Connect with us

Presente

Potenza – Matera: un pareggio con buona pace dei lucani

Published

on

La classifica sulla vivibilità delle città italiane stilata da Il Sole 24 ore è arrivata puntuale. La “vincitrice”? Bologna. Sul podio anche Bolzano e Trento.

L’analisi, condotta da Il Sole 24 ore da 31 anni, prende in esame 90 indicatori (56 dei quali aggiornati al 2020). Quest’anno l’analisi è stata arricchita dal numero di casi covid, indicatore a cui è stato attribuito un peso doppio rispetto agli altri per l’importanza assunta dalla pandemia sulla qualità della vita nelle diverse città.

Le aree tematiche sono le stesse degli altri anni: Ricchezza e consumi; Demografia e salute; Affari e lavoro; Ambiente e servizi; Giustizia e sicurezza; Cultura e tempo libero.

!function(e,i,n,s){var t=”InfogramEmbeds”,d=e.getElementsByTagName(“script”)[0];if(window[t]&&window[t].initialized)window[t].process&&window[t].process();else if(!e.getElementById(n)){var o=e.createElement(“script”);o.async=1,o.id=n,o.src=”https://e.infogram.com/js/dist/embed-loader-min.js”,d.parentNode.insertBefore(o,d)}}(document,0,”infogram-async”);

Nel leggere il grafico è necessario tener presente che sull’asse delle ordinate ci sono le posizioni assunte da Potenza e Matera dal 1990 ad oggi, più i valori sono bassi più sono favorevoli.

Il primo dato degno di nota è che Potenza nel 2020 ha la stessa posizione della prima rilevazione fatta da Il Sole 24 ore nel 1990, la settantunesima, mentre Matera quasi la stessa (75 nel 1990 rispetto alla 74 del 2020).

Fino al 2008 Potenza ha avuto in generale posizioni migliori della settantunesima posizione,  mentre dal 2009 ad oggi, con la sola eccezione del 2017 (posizione 67), peggiori.

Per Matera i periodi migliori sono stati dal ’90 al ’98 e dal 2005 al 2010. In generale rispetto agli anni precedenti a Potenza c’è stato un miglioramento in “Cultura e Tempo libero”, in “Demografia e società” e in “Ambiente e servizi”, un peggioramento in “Giustizia e Sicurezza” (anche se gli ultimi due anni mostrano un miglioramento) e purtroppo una stabilità in “Affari e Lavori” e “Ricchezza e Consumi”.

Anche per Matera gli ultimi due indicatori sono negli anni abbastanza stabili, mentre si nota un peggioramento “Giustizia e sicurezza”, in “Ambiente e servizi” (con la sola eccezione del 2018). L’indicatore “Cultura e tempo libero” che dal 1990 al 2019 è restato abbastanza stabile con un miglioramento nell’ultimo anno.

!function(e,i,n,s){var t=”InfogramEmbeds”,d=e.getElementsByTagName(“script”)[0];if(window[t]&&window[t].initialized)window[t].process&&window[t].process();else if(!e.getElementById(n)){var o=e.createElement(“script”);o.async=1,o.id=n,o.src=”https://e.infogram.com/js/dist/embed-loader-min.js”,d.parentNode.insertBefore(o,d)}}(document,0,”infogram-async”);

Il migliore anno è stato il 1998, in cui Potenza occupava addirittura la trentanovesima posizione mentre Matera la diciannovesima.

Non si dispone di un dettaglio sulla composizione degli indicatori del 1998 ma l’eccessiva discontinuità rispetto agli altri anni fa pensare a qualche cambiamento nelle modalità di valutazione nelle aree tematiche. Del resto non si ricordano grandi stravolgimenti nel 1998.