Connect with us

Congiuntivo

La vincitrice della zona rossa

Published

on

La salumeria della signora Franca a Moliterno, Comune zona rossa durante l'emergenza da COVID-19

Aveva già stabilito la data di chiusura del suo piccolo negozio di alimentari di quartiere, uno di quelli costretti a soccombere allo spopolamento dei piccoli borghi lucani e alla concorrenza dei – seppur sparuti – punti vendita della grande distribuzione.

Dal 31 marzo, Franca avrebbe tirato giù la serranda della sua attività in attesa, magari, di cederla o forse no. Aveva anche iniziato a svuotare il negozio con offerte speciali sulla merce presente. Poi l’arrivo dell’emergenza sanitaria ha ribaltato ogni previsione, così Franca ha deciso di non chiudere più. Anzi, ha persino rilanciato la sua piccola attività in Via Seggio, a Moliterno.

Da metà marzo, proprio quando a Moliterno è scoppiato il primo focolaio di Covid-19 della Basilicata ed è scattata la misura della zona rossa per il paese della Val d’Agri, il suo negozio è diventato un vero e proprio punto di riferimento.

«Non me la sono sentita di chiudere proprio adesso. Sono tante le persone che hanno avuto ed hanno ancora bisogno dei nostri piccoli negozi che, in questo momento di distanziamento sociale, garantiscono comunque un contatto diretto, più umano».

Franca accoglie prenotazioni al telefono e consegna la spesa a domicilio. E garantisce una fornitura di frutta e verdura fresche di giornata perché «senza il mercato ortofrutticolo, c’era bisogno di un’altra rivendita in paese».

Finita l’emergenza, che ne sarà del suo negozio? «Cederò l’attività o la chiuderò. Ma per adesso resto qui».